Archivi tag: natìo borgo selvaggio

10 ottobre: presentazione di NovinBici a Novi di Modena

Era una cosa che dovevamo fare in marzo, poi è andata come è andata. Quindi la recuperiamo sabato 10 ottobre, dalle 17, nella Sala Civica E. Ferraresi (che per noi novesi sarà sempre il piano superiore dell’ex Coop della piazza) … Continua a leggere


Senza una ragione particolare o una ricorrenza precisa

Oggi, mentre ero in tutt’altre faccende affaccendato, mi è capitata sotto gli occhi la foto che avevo scattato alla Torre Civica di Novi di Modena (natìo borgo selvaggio) il ventinove maggio del duemiladodici, sì, quel giorno là. Sapevo che era … Continua a leggere


Tutta Palestra (quattro anni dopo)

[Quello che segue è un discorsetto in tre parti che ho letto ieri sera, all’AiaFolkFestival di Novi di Modena, il mio natìo borgo selvaggio, in mezzo al concerto di (glom!) Paolo Fresu e la Scraps Orchestra (che mi hanno anche accompagnato e … Continua a leggere


Uomini e topi

Una storia cruenta di eterna lotta con la natura nella bassa modenese. Ambientazione: i miei abitano a Novi di Modena, al limitare del paese. Davanti sono tutte case e strade, sul retro è aperta campagna fino al canale “Fossa raso”, … Continua a leggere


Tutta palestra

(Quello che segue è una specie di discorso di dieci-quindici minuti che abbiam fatto ieri, alla Fornace Carena di Cambiano, in provincia di Torino, durante una Festa della Solidarietà che raccoglieva due soldi per il mio natìo borgo selvaggio, Novi … Continua a leggere


Un paio di reading per la Pasqua dei lavoratori

I socialisti italiani, vivamente consapevoli del fascino spontaneo della nuova Festa del lavoro agli occhi di una popolazione in gran parte cattolica e analfabeta, usarono l’espressione «Pasqua dei lavoratori» almeno a partire dal 1892, e simili analogie diventarono correnti in … Continua a leggere


Mi son trovato davanti alla prova tangibile della fine delle cose costruite dall’uomo

… e nello specifico erano le cose costruite dall’uomo sotto le quali ho vissuto, giocato, amato, parlato, gridato e fatto a botte, delle volte, per almeno venticinque anni della mia esistenza. Così dicevo qualche mese fa, quando sono andato a vedere come … Continua a leggere


Marciar marciar

La mia amica astridula un paio di settimane fa mi aveva spedito una canzone partigiana per alleviare le pene di noi terremotati e io l’avevo pubblicata qui. Qualche sera dopo, la mia amica astridula ha letto quel post al suo Coro … Continua a leggere


Una cassetta di mele

Poi ti ritrovi a svuotare e smontare completamente la camera dei nonni, perché lì, nella loro casina che per loro era come un castello, per niente moderna ma tenuta con tanto amore, piena di ricordi e di abitudini… ahimè, non … Continua a leggere


Generi di prima necessità

Adesso giro sempre col cane al guinzaglio e una borsina con dentro il computer, il caricabatterie del cellulare, la carta di credito, due libri (Io sono la guerra, che sto leggendo; Il maestro e Margherita, che sto per leggere) e … Continua a leggere