Hobsbawm

E in un saggio intitolato Il Primo maggio: nascita di una ricorrenza, del 1990, dentro a un libro che si chiama Gente non comunedel 1998 o del 2000, Eric John Ernest Hobsbawm dice che:

Continua a leggere

È il 26 aprile

È il 26 aprile e sono ancora antifascista, pensa te.


(Una citazione di simonerossi che posto tutti gli anni)


Ci vuole del coraggio

Mio nonno, Corrado, eran già dei mesi che stava in prigione, ma ultimamente se la passava meglio. Meglio di qualche mese prima, quando c’era quell’aguzzino fascista a comandare la galera, un tipo sadico e cattivo che ammazzava i prigionieri a suon di botte, uno al giorno, tutti i giorni.

Continua a leggere

22 aprile: Nottambula

E il 22 aprile, cioè lunedì, dalle 20:30 molto precise in Piazzale Re Astolfo, succede una cosa bellissima in giro per le vie del centro di Carpi: si chiama Nottambula, succede tutti gli anni, e questa è la sesta edizione. Ci sarà il Coro dei Violenti Piovaschi, che organizza il tutto con infinita cura e sospensione (*), una Banda di Quartiere, un corteo festante, delle letture, delle poesie, un concerto, e ci sarò anche io a declamare delle cose a voce altissima accompagnato da Daniele Rossi con l’organetto e Enrico Pasini con la tromba.

Qui c’è il programma completo:

Continua a leggere

Service Unavailable (da nove anni)

Con un giorno di ritardo, perché sto invecchiando e le cose della vita sono complicate e ho anche i muratori che smartellano tutto il giorno fuori dalla finestra, pubblico una cosa che pubblico tutti gli anni e quest’anno, incosciente come sono diventato, l’ho letta tutta a voce alta. Si ascolta qui (e si legge sotto):

Continua a leggere

Lagerkvist

E in un libro che si chiama Barabba, del 1951, Pär Fabian Lagerkvist dice che:

Continua a leggere

Così va la vita (con un sottofondo in Re minore)

E qualche anno fa, un bel po’, in verità, ero in macchina che andavo a lavorare e ascoltavo la radio, ed era cominciato il Preludio n. 24 in Re minore, dai Preludi Op. 28 di Chopin, e il pianoforte che si sentiva era suonato da Maurizio Pollini.

Continua a leggere

Catalano

E in una poesia intitolata il mare visto da un poeta, dentro a un libro che si chiama Motosega, del 2007, poi ristampato nel 2014, Guido Catalano, poeta vivente, dice che 

Continua a leggere

Il nome del padre

C’è una cosa che avevo scritto su Barabba, ormai quattordici anni fa. Magari cambio qualche virgola o una frase o un tempo verbale, perché sono fatto così, ma tutti gli anni la ripubblico il 19 di marzo, quando mi ricordo, per la festa del papà. Quest’anno, come sto facendo da un po’, l’ho letta a voce alta e, se vuoi, tu, chiunque tu sia, che passi di qui per caso o per forza, la puoi ascoltare:

Continua a leggere

Tolstaja

E di solito l’8 marzo posto sempre una cosa che Sòf’ja Andrèevna Bers, detta Sonja, diventata poi Sof’ja Tolstaja, moglie di Lev Nikolàevič Tolstoj, scriveva l’8 marzo del 1898 su una pagina del diario. Quest’anno, invece di ripostarla, ho chiesto a Grushenka se aveva voglia di leggerla a voce alta e lei l’ha letta. Si ascolta qui:

Continua a leggere