Il free jazz punk inglese

Questa settimana non ho nulla da segnalare sulla New Wave italiana (cioè la piccola rubrica sulla rinascita della blogsfera che sto curando dall’inizio del 2019 e che, se volete, trovate qui), allora ho pensato di buttarmi all’estero, perché anche lì ci sono un sacco di bei blog che seguo quotidianamente. Nello specifico, visto che un paio d’anni fa ho comprato una macchina senza lettore CD, che se avessi voluto mettercelo come optional avrei dovuto sborsare duemila euro in più (mi davano anche il lettore DVD, uno schermo e un impianto molto tamarro di subwoofer e roba simile, ma il lettore CD da solo no), è da un po’ di tempo che cerco ossessivamente musica da scaricare più o meno legalmente da mettere nella chiavetta USB che, quella sì, si può attaccare all’autoradio.
Ho scoperto una nuova passione (ossessione-compulsione, a guardarci bene) per le compilation, i bootleg e le registrazioni amatoriali da ascoltare mentre vado a lavorare o torno a casa la sera (un’ora abbondante tutti i giorni). E quindi, alla voce Il free jazz punk inglese, ho aggiunto i link che seguono nel mio feedreader (uso feedly, quello gratis, se vi interessa).

  • Albums That Never Were – dove le intenzioni sono chiarite nel sottotitolo del blog, in cui l’autore dice che: “because i have too much time on my hands, i waste it by reconstructing famous unreleased albums.”
  • Albums That Should Exist – stessa cosa, un po’ più classic rock: “I like listening to music in album format. I’ve collected a lot of music over the years that either never has been officially released or hasn’t found its way onto any mainstream albums. So I’ve frequently organized my music into albums I’ve created for my own listening enjoyment.”
  • Aquarium Drunkard – “Originating in 2005 and based in Los Angeles, Aquarium Drunkard is an eclectic audio journal focused on daily reviews, interviews, features, podcasts and sessions.” Ne saccheggio settimanalmente gli archivi, soprattutto per quanto riguarda i bootleg live e le compile (la serie Unearthed sopra tutte).
  • Doom & Gloom From The Tomb – “A selection of rad bootlegs + other music.” Basterebbe solo scaricare tutto da qui e riempirei i miei viaggi in macchina per i prossimi mesi o forse anni.
  • Music for Programming – “A series of mixes intended for listening while programming to aid concentration and increase productivity (also compatible with other activities).” Anche se da qualche anno non programmo più (o comunque programmo di meno).
  • roio – Un archivio sterminato di live e bootleg da scaricare con ingordigia, alcuni anche recentissimi (c’è già il concerto di Mott The Hoople al Miller High Life Theatre di Milwaukee di due lunedì fa, per dire).
  • The McKenzie Tapes – “a collection of live audio recordings from some of New York City-area most prominent music venues of the 1980s and 1990s. The collection itself was recorded by David McKenzie, a Kearny, NJ-native and former Maxwell’s employee. It spans mostly from 1985 to 1993, and includes shows played not only at Maxwell’s, but also The Ritz, Irving Plaza, City Gardens, and more. David generously sent his tapes to me (Tom) in hopes of getting them archived online.” (Da leccarsi i baffi).
  • The UNDERESTIMATOR Mixtapes – “PUNK ROCK TIME CAPSULE FOR A FUTURE GENERATION.” Tante compile di roba punk, garage, post-punk, new-wave, power pop e tutte quelle cose lì con cui la mia testolina convola felicemente a nozze.

E poi, già che ci siamo, ci sono anche:

  • The Red Hand Files – che è la newsletter (ma si legge anche sul web) di Nick Cave, ma sarebbe meglio dire la posta del cuore di Nick Cave, e la posta del cuore di Nick Cave non può non parlare in maniera profondissima della musica, della vita, della morte, dell’universo e tutto quanto.
  • Warren Ellis LTD – il nuovo blog di Warren Ellis (il fumettista, non il musicista, ma va bene lo stesso). Anche lui, tra l’altro, ha una newsletter pregna di cose e significati che si chiama Orbital Operations.

E per adesso è tutto.
Sperando, come si dice, di aver fatto cosa gradita.

***
Musica:


Questa voce è stata pubblicata in cose così e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.