Pensa te

1 commento

Un pisolo pomeridiano, Bitches Brew in sottofondo, il cane accoccolato di fianco, una gatta addormentata tra le gambe, la brezza leggera che arriva dalla finestra aperta sulla piazza assolata, niente scosse che interrompono i pensieri, la pace. Pensa te, la cassa integrazione.

__


Questa voce è stata pubblicata in cose così e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Pensa te

  1. Pingback: Alessandrini del terremoto « Piove sul bugnato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*